Home » SONDAinONDA

Category Archives: SONDAinONDA

Sons of Lazareth: SONDAinONDA

Il progetto “Sons Of Lazareth” inizia nel 2014; il nome proviene dal Lazzaretto, una vecchia casa immersa nella campagna bolognese dove fu creata una sala prove, la sala dove la band mosse i primi passi. L’album di debutto – Blue Skies, Back To Gray – è stato pubblicato a fine 2018 per l’etichetta Argonauta Records. Le sonorità della band, inizialmente vicine allo stoner, si stanno ora spostando verso il blues.

 

Ascolta il brano Punctually Late tratto dall’album Blue Skies, Back To Gray

Hygge: SONDAinONDA

Hygge è una parola danese che indica tutti quei momenti della nostra vita in cui viviamo qualcosa di significativo, di positivo. Ed è il nome che Antonio, giovane cantautore potentino di base a Bologna, ha scelto per suo progetto solista.
Il 15 novembre è uscito il suo singolo di debutto – Jacopo – che Antonio ha suonato per noi, a fine intervista, in acustico.

Quid: SONDAinONDA

I Quid nascono nel 2016 e suonano rock in italiano. Un anno fa pubblicano il primo, omonimo, contenente tre brani.
Al momento hanno in cantiere un importante progetto che andrà a concretizzarsi in un live di beneficenza a febbraio 2020 presso il Teatro Storchi di Modena.
Ascolta il brano Resti che i Quid hanno suonato in acustico a fine intervista

Niko Albano: SONDAinONDA

Niko è un giovane cantautore campano, bolognese d’adozione, che si ispira prevalentemente ad artisti britannici come James Morrison e Paolo Nutini. Nel 2018 pubblica il primo singolo autoprodotto Forget Your Touch per poi passare alla lingua italiana con i successivi Volersi Liberi e Non Serve Domani.
Ascolta Non Serve Domani che Niko ha suonato per SONDAinONDA in coda all’intervista

Telegraph Tehran: SONDAinONDA

Telegraph Tehran è un progetto musicale synth-electro pop che nasce a Bologna. Le sonorità rock-shoegaze del primo album vengono abbandonate dopo un cambio di organico che porta alla pubblicazione dell’ep Marea del 2018. La band sta ultimando le registrazioni del nuovo disco che uscirà entro fine anno.

Ascolta il brano Box Ten in versione semi-acustica che i Telegraph Tehran ci hanno lasciato in coda all’intervista.

Andre Veleno: SONDAinONDA

Andrea Bagni è di Modena e ha poco più di trent’anni. Due anni fa partecipa al concerto di Vasco – Modena Park – e in quell’occasione decide di dare voce al mondo che ha dentro, un modo di musica e di parole. E’ così che nasce Andre Veleno, il primo luglio del 2017.
A fine intervista Andre ci ha lasciato una versione acustica di Voglio una vita vista mare.

Moriel: SONDAinONDA

Moriel è il progetto solista di Riccardo Moriello, attivo dal 2015. Nel 2016 vengono pubblicati i primi brani, il genere può essere definito pop elettronico, le liriche sono italiano. A breve uscirà il nuovo ep contenente due brani, uno dei quali dedicato all’attrice Emma Stone.

A fine intervista Moriel ci regala in anteprima Non ci ripensi mai in versione acustica.

Moest: SONDAinONDA

Moest è un progetto musicale modenese che prende forma da svariate influenze: jazz, funk, bossanova e rock uniti a testi astratti e performance live inusuali.
La band ha pubblicato nel giugno 2018 il primo ep Distort che contiene 7 brani.
In coda all’intervista i Moest hanno suonato in versione acustica il brano Amo il verde.

Ground Control: SONDAinONDA

I Ground Control sono di Montecchio Emilia e nascono in un bar del centro verso le ore 19 del 10 gennaio 2017. Lo scorso dicembre hanno pubblicato l’album di debutto Untied, nove brani che danno una precisa idea di quel che i Ground Control intendono con psyco stoner rock.

A fine intervista ci hanno lasciato una versione acustica del brano Untied the Horses.

Medicamentosa: SONDAinONDA

Medicamentosa è un progetto musicale del modenese Bruno Mari. Il genere è quello dell’elettronica psichedelica e l’intento di Mari è quello di creare musica evocativa, suoni che accompagnino i viaggi della mente.
Nel 2015 pubblica il primo ep Iraglas, un disco ricco di suoni e suggestioni africane. E’ uscito a inizio 2019 il suo secondo lavoro dal titolo Floodd.

In coda all’intervista una versione acustica del brano Avremo le ali e le branchie