porno sikis porno film izle porno video sikis izle eskişehir escort anal porno izle escort istanbul sex film

Category Archives: A-G

AA.VV.: The earthquake EP

aavv the earthquake

Una mini raccolta con quattro brani, intitolata “The earthquake EP”, è la testimonianza della Pedale Baroque Records al terremoto che ha sconvolto l’Emilia nel 2012. Quattro artisti dai nomi difficili da pronunciare (Zacharias Can’t Sleep, Leonid Sdjalayev, 2nd Eno e Boris Purea) hanno scritto e registrato il loro grido di dolore per una terra ferita a morte. Un grido che è affidato a musiche elettroniche, sperimentali o addirittura ballabili, perché la voglia di rinascere e continuare non deve mai venir meno anche davanti a tragedie così devastanti. Se poi una delle canzoni è una cover di “No More I love You’s” di Annie Lennox (tratta dal suo secondo album solista) la speranza di tornare alla vita di prima assume le sembianze di una stupenda canzone/versione. In copertina la foto diventata tragicamente il simbolo del terremoto, il campanile di Finale Emilia. Pop rock per non dimenticare e guardare avanti.

(Pedale Baroque Records) CD EP 



 

373° K: Lontano

Lontano Cover FrontLa temperatura di ebollizione dell’acqua espressa in gradi Kelvin è in giro dal 2009. Arrivano da Bologna ed hanno un paio di album in discografia. Entrambi sono scaricabili in freedownload dal loro sito. Bravi. “Lontano” è un disco di rock in italiano dall’impatto potente. In alcuni momenti sembra strizzare l’occhio ai Negrita, in altri ai Litfiba o ai Timoria, sempre comunque con un piglio originale. Le pose delle foto ufficiali del quartetto ricordano i Guns, anche perché qui c’è amore incondizionato per il rock, magari a stelle e strisce. In studio i 373°K si sono avvalsi della presenza di Roberto Priori, che molti si ricordano nei metallari Danger Zone, una garanzia per ottenere un bel suono potente e deciso. Con i 373°K, nati tra i corridoi del DAMS, non c’è la “necessità” di sballarsi con sostanze illegali perché basta mettere il volume al massimo e ascoltare “Non c’è più tempo per voi” o “Mia dolce metà”, tanto per citare due brani. Per giovani e attempati rocker. Da ascoltare calzando possibilmente stivali da cowboy.

 (Autoprodotto) CD

 

A CHANCE TO BE ROMANTIC: Rimane solo la luna

achancetoberomanticdef

Il progetto A Chance To Be Romantic è nato nel 2009. All’inizio dell’avventura il gruppo era un duo, una sorta di Zero Assoluto. Un primo EP, “Tutto in un attimo” e poi il gruppo è diventato una one man band nelle mani di Dario Dordoni, che si è fatto trovare preparato per l’uscita del primo album, “Rimane solo la luna”. Il disco comprende dieci tracce (c’è anche una versione acustica della title track) che spazia nei meandri dell’amore, visto sotto diverse sfaccettature. A Chance To Be Romantic è oggi un solista innamorato dell’amore che con voce delicata cerca di fare breccia nei cuori di giovani e anche meno giovani. Insomma di tutti coloro che da un disco cercano le risposte all’amore perduto, o sono alla ricerca perenne della parte zuccherina dell’esistenza. Un disco angelico per innamorati cronici. Da sottolineare “Rimane solo la luna”, “Un altro me” e “Hai bisogna di un sogno qualunque” ma anche la brevissima “Epilogo”. Tenete pronti i fazzoletti. Le lacrime possono arrivare da un momento all’altro.

(Autoprodotto) CD

ALESYA: Alesya

alesyacmyk

A leggere la biografia di Alesya (all’anagrafe Alessandra Adabbo) si rimane colpiti. Una passione innata per la musica, un gruppo tutto al femminile (Selz & B.), una carriera solista, tanti concerti, tanti concorsi, tante interviste radiofoniche e televisive e l’incontro con un produttore (Paolo Boffo). Si rimane colpiti perché tanto “movimento” deve portare a qualcosa “di serio”. E per serio si può intendere anche questo ep con quattro brani di sano pop rock. Alesya si dimena vocalmente tra la chitarra e la sezione ritmica, accenna anche un momento di tranquillità con “Dolce pioggia” ma noi la preferiamo quando pigia sull’acceleratore (“Fuori controllo”). Un poker di canzoni da ascoltare, ballare, canticchiare e fare proprie. Se avete due minuti, date un occhio alla sua pagina Facebook e ascoltate le sue canzoni. Alesya e la sua band hanno le carte in regola per divertirsi e divertire. Pop rock in italiano per cuori leggeri. Astenersi intellettualoidi e baffo muniti (alias intellettualoidi).

(Tumtumpà Records) CD EP

ANGELA MADONIA: Metamorfosi

angela madonia

Originaria di Enna, ma trasferitasi a Bologna quasi dieci anni fa, Angela Madonia non è solo una cantante: polistrumentista, suona pianoforte, violino, chitarra, batteria; frontwoman dei Burlesk, ha prestato la propria voce anche come corista di Iskra Menarini – storica comprimaria del compianto Lucio Dalla – e Enrico Nadai; insegna, studia, non si ferma mai. Un’anima poliedrica che si nota subito in questo album, dove con appena sei brani Angela (o semplicemente Agl, o Nya, come ama farsi chiamare) dipinge un quadro chiaro delle proprie capacità vocali e delle proprie influenze: il rock della opener “Gocce d’inchiostro”, il dance rock in “La solita bugiarda”, l’etnico-folk in “A tratti”, il cantautorato alla Samuele Bersani di “Cromosoma Y”, il funk in “Altrove”, il lirismo tragico e cupo in “00:29”. Più che un disco, questo piccolo EP potrebbe essere quasi un portfolio di un’artista a tutto tondo e un’ottima interprete a cui manca solo di raffinare e mettere bene a fuoco il proprio stile di scrittura.

(Autoprodotto) CD

BORZ: Follia quotidiana

Borzcmyk

Dietro alla maschera del Joker di Borz si nasconde la voce dei Kilowater, punk band con cinque album in discografia e decine di concerti sparsi per la penisola. Abbandonata “l’uniforme” punk, Borz è diventato un personaggio da fumetti che suona electropop (in italiano) e non rinnega il suo passato artistico. Il paragone con l’arlecchino elettronico di Alberto Camerini è ovvio e scontato, qui però il tutto è calato ai giorni nostri (“Rockstar”) o ricorda il decennio edonista per antonomasia (“Anni 80”), per poi riprendere una canzone dei Decibel di Enrico Ruggeri da antologia (“Contessa”). Nel resto del disco c’è spazio per l’amore (“Se lei”), le aspirazioni personali (“Baby”), il movimento corporeo (“Electroclown”) e un titolo che ricorda la prima moglie di David Bowie o la canzone dei Rolling Stone (“Angie”). “Follia quotidiana” è un disco “estivo” con frecce avvelenate di denuncia sociale, il tutto condito da un sound che permette il ballo sfrenato. Electropop con il ghigno malefico del Joker. Chissà se Borz andrà a fare la spesa con la sua maschera pittata in faccia?

(Miraloop Hearts) Digitale

CIGARILLA DISONASTY: Latte Lattine

cigarilla disonasty

All’estero se ne parla tanto, abbastanza da essere diventato un’etichetta con tanto di sigla: DIY (Do It Yourself), molto più banalmente “fai da te”, l’arte di arrangiarsi, di trovare una propria strada con pochi mezzi e affrontando ogni sfida in maniera istintiva, solo con l’idea di cosa si vuole dire e dove si vuole arrivare, non senza metodo ma inventandosi il modo per arrivarci. Visto in qualsiasi altra ottica questo “Latte Lattine” dei Cigarilla Disonasty, quartetto nato nel 2010, verrebbe bollato come un disastro, si direbbe che non sanno cantare, appena riescono a suonare, i testi sono grammaticamente sbagliati, bofonchiati, quasi incomprensibili, le canzoni male inquadrabili. La verità invece è che il risultato finale è quanto di più personale e accattivante si possa sentire, in bilico tra rock minimale, rap alla Uochi Toki e pop scuola Bugo. Un quadro d’insieme dall’identità estremamente forte, apprezzabile già solo perché sfugge da ogni necessità di piacere per dire invece: questi siamo noi, che vi piaccia o no. Tanto di cappello.

(Autoprodotto) CD / Free download

IL CLUB DEI VEDOVI NERI: Numana

il_club_dei_vedovi_nericmyk

Con un nome preso a prestito da una raccolta di racconti di Asimov, il quartetto bolognese ha già al suo attivo qualche produzione discografica. “Numana” anticipa, con tre brani acustici, il prossimo full length album e per chi conosce le gesta artistiche del combo sarà una bella sorpresa. Interpreti di un folk rock dalle tante emozioni, Il Club Dei Vedovi Neri mette in queste tre canzoni una vena pop che può attirare legioni di ascoltatori dediti al sentire brani d’amore o esistenziali. Il brano che apre l’ep, “Brucia”, racconta la passione che non deve mai spegnersi nella vita, mentre “L’attesa”, altro pezzo da segnalare, è uno spaccato di vita che affonda le mani nei gesti, in un raggio di sole e nell’amore. Il Club Dei Vedovi Neri non si può certo dire che ami la luce accecante, infatti sembra proprio che preferisca rifugiarsi nel buio dell’anima. “Numana” è una ottima anticipazione del prossimo album. Per cavalieri azzurri, damigelle al balcone, o ubriachi di emozioni.

(Autoprodotto) CD EP

COLLETTIVO GINSBERG: Asa Nisi Masa

collettivo ginsberg

No Wave Voodoo Blues, come lo chiamano loro stessi. O più che altro una contaminazione tra rock, blues, jazz e classica, avanguardia, contemporanea, progressive, psichedelia, teatralità, influenze cinematografiche: tutto questo è il Collettivo Ginsberg, progetto nato in terra di Romagna nel 2004 con l’incontro tra Cristian Fanti e Andrea Rocchi. E non è un caso che questo debutto “Asa Nisi Masa”, pubblicato con l’inglese Seamount Production, sia stato prodotto proprio da Marco Bertoni (ex Confusional Quartet): schizofrenia controllata, pastiche sonoro, stratificazioni strumentali senza soluzione di continuità creano una base magmatica per testi tra l’onirico e il letterario, in cui – come si poteva intuire dal nome della band – è forte l’influenza del periodo beat, del montaggio applicato alla scrittura accostando brandelli di scritti originali a versi di altri autori, che disarticolati e decontestualizzati assumono una nuova valenza descrittiva e semantica. Un album talmente pieno di input che cambia quasi ad ogni ascolto, infinito, potente, da avere.

(Seamount Production) CD / Digitale

DEVOCKA: La morte del sole

Devocka

Terzo album per i ferraresi Devocka e terzo centro. Post punk con venature noise cantato in italiano. A metterla giù così sembra semplice, invece non lo è per niente. I Devocka pestano sugli strumenti, me li immagino sanguinanti alla fine di un concerto o di una seduta di registrazione. Pestano di brutto. Un disco buio, tetro e scuro. Un disco che mette a disagio. Un disco che mi ha ricordato in brevi flash i Public Image Limited di antica memoria. Un disco urlato. I Devocka sono rumorosi quel che basta per infastidire i padiglioni auricolari. E noi in questo fastidio ci sguazziamo. Figli degeneri del Teatro degli Orrori, i Devocka fanno male. Un male all’anima. Eterno rincorrersi tra gioia e dolore. Poi all’improvviso ti svegli, l’album è terminato. Bisogna decidere se prendere una boccata d’aria o rigettarsi nel tunnel. La scelta è ovviamente scontata, si torna nel tunnel. I Devocka sono potenti anche nei momenti di pace. Perché qui non c’è pace. Il caos regna sovrano. Il caos. La bellezza del caos.

(I Dischi del Minollo/Audioglobe) CD